Pagine di storia

Cerca

Vai ai contenuti

Associazionismo mutuo soccorso

Storia di Lastra > Fine '800 e guerra

Le associazioni di mutuo soccorso, nate inizialmente nel Regno di Sardegna tra il 1848 e il 1859, iniziarono a svilupparsi in Toscana dopo l'unitÓ d'Italia.

In precedenza se ne contavano in questa regione appena una ventina.

Nel 1875 nelle 8 provincie toscane il numero era salito a 162, di cui 75 nella provincia di Firenze.

Nel 1885 un censimento ministeriale ne contava 123 in questa medesima provincia.

Tale mutualismo si articol˛ in varie tipologie organizzative: societÓ professionali costituite da soci di uno stesso mestiere, oppure miste, che permettevano l'iscrizione a soci di varie categorie lavorative.

La tipologia socio economica della base sociale era ampia, anche non operaia, benchÚ nel titolo portassero la qualifica di SocietÓ operaia.

I contributi e la tassa di iscrizione di solito variavano in relazione all'etÓ dei soci.

Oltre al fine assicurativo-economico contro le malattie, il mutualismo nei suoi promotori liberali moderati oper˛ anche con sussidi per le vedove, gli orfani dei soci, la disoccupazione.

Per le classi dirigenti fu luogo di regolazione sul versante dell'assistenza e previdenza, fino ad allora svolto dalle corporazioni di mestiere e dalla chiesa.

La spinta socializzante che ne deriv˛, promosse anche attivitÓ relative all'istruzione dei soci, e a quelle di tipo cooperativo, oltre a legami con l'associazionismo ricreativo. (Gruppi musicali,corali, filodrammatiche,ecc.)

L'associazionismo fu luogo di dibattito politico, sia sul movimento operaio che all'interno dello stesso, ma anche terreno di divisioni politiche, per l'azione dei partiti popolari e della sinistra.



Bibliografia:
Luigi Tomassini, Il mutualismo nell'Italia liberale, Biblioteca digitale, 2015.
















_


Torna ai contenuti | Torna al menu